Abruzzo, Reti Sanitarie solo sulla carta?

logo_abruzzo_2020_2.jpg

LETTERA APERTA AL DIRETTORE DEL QUOTIDIANO “IL CENTRO” MAURO TEDESCHINI CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE

Pescara, 25 novembre 2015

Caro direttore, nel corso del primo convegno regionale “Abruzzo 2020 Sanità Sicura a vent’anni dall’istituzione del 118 in Abruzzo” svoltosi nei giorni scorsi a Montesilvano, è emersa dai sanitari abruzzesi una contrapposizione tra sanità sulla carta e sanità reale contraddistinta dall’assenza di reti – elementi fondanti di un autentico sistema - tra unità operative diffuse negli ospedali dell’intera regione. Una unità operativa semplice o complessa, può essere di eccellente valore, riconosciuto anche in benchmark nazionali. Ma se resta ‘unità’ ed entra in reti solo sulla carta dei documenti di direzioni e agenzie sanitarie regionali, farà fatica a lavorare bene, aumenterà per i medici il rischio di contenziosi, diminuirà la sicurezza di pazienti e malcapitati, come si dice nel gergo della medicina di emergenza-urgenza.

I medici e gli infermieri abruzzesi manifestano un bisogno vitale di lavorare in reti. E la realtà, che spesso rischia di diventare purtroppo cronaca di malasanità, è il giudice inesorabile della carta. Senza reti non si dà un Sistema Sanitario. Le reti garantiscono la continuità delle cure, la presa in carico globale del paziente, l’omogeneità della cura su tutto il territorio regionale attraverso l’integrazione tra le diverse organizzazioni – strutture, il ricorso ai centri di riferimento solo se necessario e il governo dei percorsi sanitari in una rigorosa linea di appropriatezza degli interventi e di sostenibilità economica. E’ voce di popolo tra i numerosi sanitari intervenuti al convegno da tutto l’Abruzzo, che Reti e Sistema sono ancora un libro dei sogni nella nostra regione, nonostante se ne scrive nitidamente come fosse realtà sui documenti più importanti della burocrazia sanitaria regionale. Reti e Sistema che forse diventeranno realtà nel lungo periodo quando – come diceva Keynes – saremo tutti morti? Resta il dubbio se l’amministrazione pubblica gioca a controllare il caos o ha il coraggio di prendere decisioni per governare un sistema ordinato ed efficiente.

Gabriele Rossi

Direttore “Abruzzo 2020 Sanità Sicura Cooperazione Sociosanitaria Italia-Israele”

Commento non disponibile in questo momento.

powered by wordpress - progettazione pop minds