Gerolamo Gaslini, Rockefeller d’Italia

gaslini.jpgIl caso di Gerolamo Gaslini spinge a porre questioni e domande, più che mai attuali, attorno ai delicati rapporti tra etica e affari, politica e impresa, fede e laicità, Chiesa cattolica e Stato italiano. Oggi, alle ore 17, presso l’Università degli Studi di Milano, in Sala Napoleonica di Palazzo Greppi verrà presentato il libro di Paride Rugafiori “Rockefeller d’Italia: Gerolamo Gaslini imprenditore e filantropo” edito da Donzelli.
Ne parleranno Piero Bassetti, Guido Formigoni, Mauro Magatti, Massimo Mucchetti e Giulio Sapelli insieme all’autore del libro.

Citiamo dalla scheda nel sito della casa editrice Donzelli: “Un uomo, Gerolamo Gaslini, imprenditore, perde una figlia di soli undici anni, Giannina, a causa di una malattia che la medicina non riesce a curare, durante la prima guerra mondiale. Ne rimane sconvolto. Da allora la sua vita è segnata dalla volontà di edificare a proprie spese un grande, moderno centro polivalente per la cura, l’assistenza e la ricerca a favore dell’infanzia, l’Istituto Giannina Gaslini, inaugurato a Genova nel 1938 e conosciuto in tutto il mondo. In un breve arco di tempo, Gaslini costruisce un vasto gruppo di imprese alimentari, chimiche, agricole, immobiliari e bancarie, inserendosi tra i pochi grandi imprenditori italiani dagli anni trenta ai sessanta del Novecento, dal fascismo alla Repubblica. Vicino a Mussolini, a De Gasperi e al Vaticano, amico del cardinale Siri, Gaslini compie un altro decisivo passo nel 1949, quando costituisce la Fondazione che ne porta il nome, un ente di diritto pubblico cui dona in vita l’ingente suo intero patrimonio. Una fondazione holding, questa, un modello originale per struttura e scopi, che usa il profitto d’impresa al fine di sostenere e potenziare l’attività non profit dell’Istituto Giannina Gaslini a tutela della salute infantile. Di Gerolamo Gaslini, uomo schivo e solitario, ben poco si conosceva prima di questa lunga e rigorosa ricerca su documenti inediti di archivi pubblici e privati e su dati d’impresa originali elaborati da Roberto Tolaini. Ne è emersa, imprevista, una personalità di assoluto rilievo, sia per la molteplice e spregiudicata attività di imprenditore, sia per l’impegno totale di filantropo innovatore.”

fonte: fondazionebassetti.org

Potrebbe anche interessarti...

Articoli popolari

Questo sito utilizza cookie tecnici necessari per il funzionamento. Non vengono utilizzati cookie di terze parti. Accettando autorizzerai all'uso dei soli cookie tecnici. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi