Archivio di Gennaio, 2013

L’infobesity da necroeconomia causa la depressione di massa

Martedì, 29 Gennaio, 2013

bruegel_torre_babele.jpg 

di Guido Ceronetti

Limitata e sporadica, la depressione è esistita sempre, e con più nomi nominata: spleen, cafard, acedia, taedium vitae, etc. Oggi è epidemica, pandemica, colpisce chiunque. Dove ci sono molti libri, là ha un luogo di elezione, si fissa, non la mandi più via. Contro questo pervasivo malessere (mal-di-essere) non tengono benesseri sociali o personali, e i farmaci (psicofarmaci, antidepressivi, sonniferi, Prozac) alimentano una sterminata industria, interessata ad attenuarla senza guarirla: a creare e diffondere il morbissimo della Dipendenza. Tutto l’Occidente, e ormai resta poco che non sia Occidente, è fondamentalmente depresso psichicamente: la condizione esistenziale delle città (e di non-città non esiste quasi più nulla, nemmeno i deserti) è generatrice incessante di ogni forma di depressione. Ora, questo vomitare ininterrotto stampato e mediatico, economia-economia-economia, questo non occuparsi d’altro delle classi dirigenti, questo sparare addosso alla gente con fucili automatici che c’è una crisi inaudita, mai vista finora, colossale, irrimediabile, ovviamente planetaria, in quale ideale pattumiera finisce - se non l’ anima umana, la sostanza mentale, il corpo eterico, col fine (forse è questo il suo fine, perché niente è pura superficie) di farli a brandelli? Siamo, ascoltando la radio, leggendo i giornali, un bugliolo tremante, un triste cesso dove si deposita il malaugurio - vedi i titoli, assorbi i commenti, crogiòlati negli approfondimenti… E l’anima umana (se vuoi puoi chiamarla anche psiche, ma non ti permetto di chiamarla il Dna) piglia il nutrimento, come un eterno lattante, da quando esiste il linguaggio radicato nel pensare, dalle parole. Stiamoci attenti. Perché l’anima - quella che la Scrittura nomina come néfesh chàim, «anima-che-vive», non ente trascendente ma lo stesso respiro - accolga come vitale nutrimento le parole, carne del Logos trascendente, occorre che nessuna abbia riferimento a questo drago fumante che viene chiamato economia non osando guardarlo in faccia e ucciderlo. L’economia, nel linguaggio, è fecalità invasiva, bisognosa di purga drastica. Fa’ che l’assorbiamo in quantità crescente da tutto quel che è parlante (scritto o audiovisivo, e ritengo che qui il mezzo più potente sia il radiofonico, tutte le sonorità più assassine l’universo umano le riversa nella penetrazione acustica) e vedrai in quale stato avrai ridotto questo tapino di inconscio, individuale e collettivo. Il nostro rapporto col mondo numerico è fatto dalle piccole cifre. Anche un ministro dell’Economia, che ha la sartoria dei miliardi in dollari e in euro, quando spende da uomo qualunque conta i centesimi nel portamonete, può arrivare a cento euro quando gli si presenta un conto di ristorante. Per dei girasoli o una Provenza di Van Gogh, di valore spirituale immenso, senza corrispondenza monetaria, io troverei giusto non si spendessero più di otto-novecento sterline. Un’asta onesta dovrebbe partire da tre-quattrocento; bravo Sotheby, questi sono affari puliti! Il vero mercato, per tutta la gente comune, e nel mondo, bene è stato scritto, «non è se non vulgo», il mercato che lascia l’anima vivere, è il mercatino ortofrutticolo, o la fiera mensile dell’ antiquariato. Le cifre spasmodiche delle Borse, invece, sono percentuali di morte, necroeconomia, come la definì la «Welt», al tempo ancora del marco in marcia dell’Aida. E dappertutto dove il leviatano fetentissimo della necroeconomia alza la testa spaventosa, la Depressione miete vittime a milioni. E non c’è difesa.

fonte: Corriere della Sera 20 agosto 2011

“Monte Paschi è solo una questione di finanza malata”.

Lunedì, 28 Gennaio, 2013

andrea_baranes.jpg 

di Andrea Baranes*

La vicenda Monte Paschi di Siena da alcuni giorni riempie le pagine dei giornali. Articoli che chiamano in causa comportamenti spregiudicati, l’ingerenza della politica, un sistema di potere “occulto” e via discorrendo.

Verrebbe da dire magari fosse così. Perché parleremmo di alcune proverbiali mele marce in un sistema sano. Come avviene da diversi anni per ogni singolo scandalo e crisi che investe il mondo bancario e finanziario ci sentiamo ripetere che singole persone in posizione chiave si sono fatte abbagliare dalla cupidigia e hanno violato le regole del gioco.

E invece no. Lo scandalo Monte Paschi nasce dal seguire alla lettera le possibilità attualmente offerte dalla finanza. Ancora peggio. Dall’utilizzo di strumenti, procedure e meccanismi che interessano la gran parte del sistema bancario e finanziario.

Cos’è successo? In attesa di conoscere i dettagli della vicenda (se mai emergeranno), capiamo i meccanismi di funzionamento. Negli scorsi anni Monte Paschi si lancia in una serie di operazioni rischiose. Trading sui mercati finanziari per moltiplicare i profitti, la scalata a banca Antonveneta a un prezzo molto elevato, e via discorrendo. Poco importa la natura di queste operazioni, il fatto è che non vanno come sperato, e la banca accumula delle perdite.

Il problema è che quando si pubblicano i bilanci, gli azionisti non sono per niente contenti di vedere delle perdite. Vogliono dei profitti, anche sostanziali, altrimenti si arrabbiano con i manager e riducono loro gli stipendi e i bonus. E allora cosa si fa? Semplice, si “aggiusta” il bilancio per farlo sembrare migliore di quanto non sia in realtà.

Ho un debito di 100 euro con un mio amico, ma non voglio che si sappia in giro. E allora mi metto d’accordo con questo mio amico. Facciamo una scommessa. Io non gli devo più ridare i 100 euro, ma se entro tre anni il Frosinone non vince scudetto e Champions League dovrò restituirgliene 500. E’ una follia, mi direte. Le possibilità sono praticamente nulle e invece di dovergli 100 euro avrò un debito di 500. Si, ma per me l’importante è il breve termine. Oggi posso dire in giro di non avere debiti, posso mostrare un bilancio scintillante. E il mio stipendio è legato a quanto brillano i miei numeri.

Tutto qui. In pratica la banca aveva un debito che grazie a un contratto derivato ha “spostato” su altre banche. Se e quanto questo debito riapparirà sui bilanci di Monte dei Paschi dipende da complicatissimi calcoli finanziari. Rimane il fatto che le grandi banche d’affari che costruiscono e vendono i derivati non sono delle sprovvedute. Nell’immediato hanno tolto dai bilanci di Monte Paschi il debito, ma nel medio periodo le possibilità che sia la banca senese a vincere non sono forse tanto distanti da quelle di vedere il capitano del Frosinone alzare la Champions League da qui a tre anni (se vi interessa il linguaggio tecnico, Monte dei Paschi ha sottoscritto dei derivati chiamati swap che consentono lo scambio di due flussi di cassa, tipicamente un debito a tasso fisso con uno a tasso variabile).

Se in qualche modo questo meccanismo vi suona familiare, il principio è esattamente lo stesso dei derivati venduti agli enti locali in Italia, che hanno recentemente visto la condanna di quattro grandi banche nel processo contro il Comune di Milano. E’ esattamente lo stesso usato dalla Grecia per “abbellire” i bilanci pubblici ed entrare in Europa. E’ esattamente lo stesso usato da una buona parte delle grandi banche per fare sparire sotto il tappeto dei debiti subito prima di dovere pubblicare i bilanci semestrali. In questo modo il top management della banca mostra profitti a due cifre, gli azionisti sono contenti e i bonus si gonfiano.

Non sono poche mele marce, non è un abuso, non è uno scandalo e non è l’ingerenza della politica. E’ il normale funzionamento di questo sistema finanziario. Per favore, smettiamo di parlare di uno “scandalo Monte dei Paschi”. E’ questa finanza ad essere scandalosa. Non bisogna cambiare pochi manager che hanno tradito la fiducia dei risparmiatori. Bisogna cambiare, radicalmente, le regole del gioco dell’intero sistema finanziario. Introducendo una tassa sulle transazioni finanziarie, dei limiti e controlli sui derivati e via discorrendo. Come primo passo, come clienti scegliamo quelle banche che sostengono l’economia reale, e non affidiamo i nostri risparmi a chi se li va a giocare sul Frosinone campione d’Europa da qui a tre anni.

*Presidente della Fondazione Culturale Responsabilità Etica

Il “Terzo Settore” che resiste la crisi

Martedì, 15 Gennaio, 2013

 daniele_marrama.jpg

di Daniele Marrama*

La crisi ha reso evidente l’insostenibilità per le finanze pubbliche del modello di spesa sociale che si è strutturato nel corso degli anni nel nostro ordinamento, risorse inevitabilmente destinate ad una riduzione. Ma e’ un dato comune che ogni qual volta viene introdotto il tema del contenimento della spesa pubblica a favore di servizi alla persona si verifica una pregiudiziale levata di scudi da parte degli araldi del cosiddetto stato sociale di diritto. I meno informati associano in modo automatico ad una riduzione dei trasferimenti di risorse pubbliche da impiegare in attività di servizio un depauperamento quantitativo e qualitativo del welfare. Questo svisato automatismo deriva dalle modalità con le quali nel corso del XX secolo si è andata strutturando la spesa pubblica.

TRA PASSATO E PRESENTE – Ma l’espressione “solidarietà sociale” indica al contrario la fonte originaria delle attività che oggi compongono il settore. Storicamente, infatti, nel tessuto sociale sono germogliate iniziative originate dal desiderio di singoli ed associati di impegnarsi per migliorare le condizioni di vita dei meno abbienti. Mentre la sensibilità del mondo cattolico ha determinato il sorgere di iniziative gratuite di assistenza, istruzione e di presa in carico di orfani, il pensiero di matrice socialista e comunista ha favorito la nascita e la diffusione di associazioni aventi come fine ultimo la difesa del proletariato. In Italia e non solo, lo stato liberale monoclasse di inizio secolo ha subito intuito la forza politica posseduta dai nuovi corpi intermedi e con arguzia, piuttosto che contrastarla, ha deciso di assorbirla per irreggimentarla. Ne é buon esempio la legge Crispi del 1890 con la quale per portare nella sfera di controllo statale la forza politica dei numerosi corpi intermedi fu decisa l’improvvisa statalizzazione di tutte le istituzioni di assistenza. Con il trascorrere dei decenni, lo stato ha poi avocato a se le attività sorte nel tessuto sociale con l’intento di ricondurre l’erompere della forza dei corpi intermedi sui binari di un processo di controllata cessione di piccole porzioni di sovranità. Se è vero, quindi, che il passaggio dallo stato di diritto a quello sociale di diritto ha rappresentato uno snodo importante per l’ufficializzazione del valore della solidarietà sociale è altrettanto vero che quasi mai a questo passaggio ha corrisposto una moltiplicazione dei servizi. Cio’che è andato, invece, moltiplicandosi è stato l’impiego di risorse provenienti dal gettito erariale. E se questo è considerabile come il male minore accanto ad esso, invece, si sono ben presto evidenziate le negatività connesse all’ampliamento della sfera di influenza politica e dal consolidamento di una mentalità assistenzialista imperniata attorno ad una subordinazione reverenziale.

SCENARI FUTURI – Negli ultimi decenni dello scorso secolo una politica irresponsabile, per formare e consolidare il consenso elettorale, ha poi utilizzato la leva del debito pubblico per mantenere elevata la spesa e la sua capacità di controllo. Ciò non di meno, una volta preso atto del fatto che l’assicurazione di servizi alla persona non deve per forza presupporre un impegno diretto della p.a. forse una via di uscita esiste. Il pubblico dovrebbe avere il “coraggio” di lasciare il campo alla capacità della comunità di far nascere al suo interno iniziative spontanee. A regime, il pubblico dovrebbe limitarsi a regolare e vigilare la qualità dei servizi e, solo per i casi in cui non maturino realtà private in grado di far fronte alle comuni esigenze, ad intervenire in prima persona. Per troppi anni un’interpretazione estrema e faziosa ha indotto a ritenere che l’unica economia fosse quella che persegue il profitto per le risorse impiegate, ma  proprio l’economia del Terzo Settore è l’unica ad aver resistito alla crisi. Va da se che un capitalismo temperato dal rilievo della natura sociale e relazionale dell’essere umano, invece, da un lato, permette che la ricchezza prodotta dalle attività for profit venga condivisa con le persone che hanno contribuito a determinarla e, dall’altro, che parte dell’attività economica venga garantita da operatori che non hanno come fine il profitto a fini distributivi ma che reinvestono gli utili. La soluzione che sembra delinearsi passa per il tessuto sociale dei corpi intermedi in un ritorno verso una cittadinanza capace di esprimersi in attività di volontariato puro, in iniziative imprenditoriali no profit ed in una maggior condivisione delle utilità prodotte dal profit. I risultati sarebbero di certo migliori di quelli prodotti dal capitalismo selvaggio e, con ogni probabilità, risulterebbero compatibili con gli aneliti del cuore di ciascuno.

*Presidente Fondazione Banco di Napoli

fonte: Corriere Economia del 14 gennaio 2013

Europa: comunità?

Domenica, 6 Gennaio, 2013

davide_giacalone.jpg 

di Davide Giacalone

Lo spread cala, il governo giace, la disoccupazione sale, il debito pubblico si pasce e la politica non piace. Siamo in recessione ma cresce l’inflazione (3%), dello 0,8 più che nell’eurozona. Così perdiamo ancora competitività e chissà che quel tasso doloroso non lo si debba al ribaltamento sul consumo di una troppo alta pressione fiscale. Sarà bene rivedere il modo in cui si pretende di mettere in relazione queste cose.

Quanti hanno alzato le tasse chiedono il voto degli italiani promettendo di abbassarle. Altri, invece, credono che il fisco abbia una funzione legata alla giustizia sociale, sicché vorrebbero pelare ricchi che, stando ai numeri, neanche esistono. Poi ci sono quelli che vogliono restare in Europa, supponendo di battersi contro chi attenterebbe alla geografia. Ma noi siamo Europa, e il problema, semmai, sta in quanto poco sia unione l’Unione europea. Questa campagna elettorale s’annuncia non solo inutile, ma dannosa. Un Paese che dovrebbe riflettere sull’economia propria e sul modello europeo s’appresta a un rito tribale, giocato fra suggestioni dotte e suggestioni triviali. Accomunate dall’essere prive di ragionevolezza.

Sulle due sponde dell’Atlantico il problema dominante è quello del debito, che più lo si cura e più cresce. In Italia assai meno che altrove, sebbene non si contragga (come, incredibilmente, il presidente della Repubblica è riuscito a dire agli italiani), ma con lo svantaggio d’essere partiti da un livello più alto. Ciò ha creato due schieramenti politici: a. quelli che vogliono aumentare le tasse, per pagare il prezzo del debito e abbassarlo lentamente; b. quelli che chiedono politiche monetarie espansive (stampare denaro, per dirla in modo volgare), in modo da ridurne il peso su produzione e consumi. A questi si affiancano variopinte presenze antagoniste, andando dalla pretesa che tutto si risolva impalando i politici all’allucinazione che un nuovo ordine possa nascere dal disordine. Pochi, però, sono disposti a fare i conti con il problema: è il modello di welfare, è la strutturazione della spesa pubblica a dovere cambiare.

Certo, c’è un immediato problema del debito, ma va affrontato con il patrimonio pubblico, in modo anche da recuperare risorse per gli investimenti. Eppure servirebbe a poco contrarre il debito lasciando il resto immutato, giacché lo si rigenererebbe in fretta. E’ sulla spesa, quindi di riflesso sulla fiscalità, che si misurerà la differenza fra idee nuove. Quelle sulla scena non sanno di vecchio, sanno di andato a male.

L’idea originaria fu che la mano pubblica sarebbe riuscita laddove il mercato falliva. Che gli ideali di giustizia e crescita culturale non erano assimilabili alla logica del profitto, quindi richiedevano un intervento politico. Era idea giusta. Ma cosa ne è rimasto? Una spesa pubblica largamente improduttiva, troppa gente a far lavori superati, una burocrazia opprimente, una scuola scadente, una sanità ancora preziosa, ma decisamente troppo costosa. Una macchina simile non la regge nessuno (specie con la demografia che rema contro) e s’accompagna al mostro fiscale. Qui l’idea originaria era che a ciascuno si prendeva qualche cosa, in modo proporzionale e progressivo, talché si avessero le risorse per alimentare lo Stato sociale, volano d’equità e redistribuzione. Guardate il fisco odierno: per la gran parte è sottrazione e distruzione. La progressività sui redditi è divenuta paranoica, umiliando meriti e capacità. L’imposizione sui patrimoni inventa ricchi che non esistono, penalizzando famiglie e produzioni. E dei soldi così spremuti se ne butta la gran parte nella fornace della spesa pubblica corrente e del pagamento degli interessi.

Quelli che cianciano di fisco come strumento di giustizia sono quasi tutti a carico della spesa pubblica. Stanno difendendo il loro reddito e il loro benessere. Quelli che blaterano di sgravi futuri non dicono una parola sulla necessaria e radicale riforma del welfare, né hanno il coraggio di dire che senza maggiore integrazione europea non usciremo dalla speculazione, mentre è l’Ue che rischia di uscire dalla storia.

C’è gran nervosismo, ma poche idee. Gran clangore di spade, ma in mano a gente bendata. Capace di ragionare secondo gli schemi dell’accumulazione capitalista, quando la destra difendeva il capitale e la sinistra il lavoro, ma incapace d’accorgersi che nel mondo della moltiplicazione finanziaria i soldi si dematerializzano e non si fanno tassare. Se non vogliamo che il nostro mondo collassi si deve essere capaci di riformarlo, portando la spesa pubblica, quindi la pressione fiscale, verso un terzo del prodotto interno (oggi è più della metà). Ciò pone, non solo a noi italiani, problemi e sfide nuovi, rimettendo alla prova concetti come libertà e giustizia. Una cosa è certa: se di questo non si comincia a ragionare, con un orizzonte continentale, ci condanniamo ad anni di lotte fra minuscole mezze seghe dialettali. Mentre il mondo cresce, produce e distribuisce ricchezza, ma da un’altra parte.

fonte: davidegiacalone.it

pubblicato da Libero del 6 gennaio 2013

Debito Napolitano

Mercoledì, 2 Gennaio, 2013

 napolitano-monti-prodi.jpg

di Davide Giacalone 

Il messaggio presidenziale di fine anno è una tradizione introdotta da Luigi Einaudi. Difficilmente quel presidente, economista e liberale, sarebbe incorso nell’errore che è capitato a Giorgio Napolitano. Se, difatti, alcune delle considerazioni contenute in quel discorso non fossero incontestabilmente inesatte, più che gli auguri sarebbero state le congratulazioni a un Paese che ha svoltato. Purtroppo, non è così. Riferendosi al costo del nostro debito pubblico il presidente ha detto che ammonta a 85 miliardi l’anno. Esatto. Poi ha aggiunto: “se questo enorme costo potrà nel 2013 e nel 2014 non aumentare ma diminuire, è grazie alla volontà seria dimostrata di portare in pareggio il rapporto tra entrate e spese dello Stato, e di abbattere decisamente l’indebitamento”. E questo è doppiamente sbagliato: primo, perché il debito è cresciuto e crescerà, sia in valore assoluto che in rapporto al prodotto interno lordo; secondo perché il bilancio pubblico è (da prima dell’arrivo di Monti) in avanzo primario, vale a dire che le spese non pareggiano le entrate, ma sono inferiori, salvo il fatto che quando si somma, come non potrebbe non sommarsi, il costo del debito ecco che torna in deficit. Non so come un errore così grossolano sia potuto arrivare agli italiani, partendo da un così alto livello istituzionale e senza che nessuno sia intervenuto a correggere il testo.
Pochi minuti dopo, con riferimento all’avvenire dei giovani, Napolitano ha sostenuto che non ci si deve limitare “ad attendere che nella seconda metà del 2013 inizi una ripresa della crescita in Italia”. Limitarsi a quello sarebbe sbagliato, anche perché, sia secondo le previsioni del governo che internazionali, l’anno appena iniziato si chiuderà in ulteriore recessione. E un rallentamento della caduta, peraltro assai lieve e spalmato nel tempo, come Mario Draghi non si stanca di ricordare, non è affatto assimilabile alla ripresa.
Sono due punti rilevanti. E se non manco di mettere in luce gli errori presidenziali non è certo per desiderio polemico, che lascia il tempo che trova, ma perché da quelli dipenderà moltissimo del nostro futuro. Sono convinto che se vi fosse piena consapevolezza di quanto bigia sia la sorte che ci attende si troverebbe il coraggio di serie e profonde rotture capaci, quelle sì, di rimettere le ali al Paese. Per questo corre l’obbligo di contestare le camomille consolatorie e la falsificazione dei dati.
La mia personale impressione è che il Signor presidente sia arrivato molto stanco al suo ultimo appuntamento con gli auguri. Ho avuto l’impressione che la registrazione sia avvenuta in più tempi, come non era in passato. E penso che quella stanchezza derivi da amarezza politica. Napolitano deve constatare il fallimento dell’operazione Monti, e mentre ne prende atto politicamente cerca di dire, forse a sé stesso, che non lo è fattualmente. Invece la questione è invertita: era perverso pensare che il governo commissariale cambiasse l’Italia, mentre ha potuto fare argine contro la speculazione internazionale e offrire una sponda alla Bce quando quella, e non il nostro governo, compiva le scelte capaci di bloccarla. Almeno per ora. Un bilancio non negativo. Un bilancio disastroso, invece, se si pretende d’identificare in quel governo la somma degli interessi nazionali, contrapposti all’insipienza dei politici, salvo poi lanciarlo nella competizione elettorale e predisporlo a una raccolta di voti contenuta, per giunta in compagnia dei più longevi rappresentanti dell’incapacità politica.
Di questo Napolitano si rende conto e, difatti, ha cercato d’impedirlo. Mi ha molto colpito una sua riflessione, che trovo esatta e affilata: Monti non poteva certo candidarsi, perché è già membro del Parlamento. Riferendosi al “Parlamento”, quindi alla somma di Camera e Senato, Napolitano ha voluto mostrare quanto inappropriato fosse il precedente tentennare, quanto deludente così poca sensibilità istituzionale. Il fatto che a rilevarlo, del resto, siano i leaders della sinistra quanto quelli della destra, non dimostra la forza dirompente del Monti elettorale, ma l’attitudine lacerante di una simile scelta. L’intera operazione era stata concepita e covata, al Colle, con intenti assai diversi. Comprensibile l’amarezza.
Il governo che sarà insediato dalle urne, fra due mesi, non s’annuncia forte. Meglio che non creda sia già stato abbattuto il debito e pronta la via della ripresa. Nulla di questo accadrà, se non facendo il lavoro cui nessuno, ancora, ha messo mano.

davidegiacalone.it

Pubblicato da Libero

powered by wordpress - progettazione pop minds