Verso la “green economy”

enrico_cisnetto.jpg 

di Enrico Cisnetto

Se Keynes fosse vivo, oggi sarebbe sicuramente ecologista. Non nel senso di “verde” all’italiana, o di “no global” alla Naomi Klein, ma secondo il modo in cui si è mossa, prima fra tutti, l’amministrazione Obama. Cioè decidendo che uno dei modi per uscire dalla crisi più forti di prima è quello di predisporre una vera e propria rivoluzione del modello di sviluppo economico in senso ambientale. Il Nobel per l’economia Joseph Stiglitz ha stimato che solo rendendo ecocompatibile il riscaldamento di case e uffici americani, con una spesa di 1 miliardo di dollari si avrà un ritorno in termini di giro d’affari compreso tra 1,4 e 3,1 miliardi di dollari tra il 2012 e il 2020, e una ricaduta occupazionale da 1 milione di posti di lavoro tra oggi e il 2011. Il nuovo moltiplicatore, insomma, è “verde”, e gli americani, con il pragmatismo con cui hanno affrontato questa crisi, l’hanno capito concependo la “green economy”.

In particolare, hanno capito che il paradigma dello “sviluppo sostenibile” – nato per trovare un compromesso tra crescita e ambiente – è ormai da mettere in soffitta. E non solo perché trovate economicamente disastrose come quella del Protocollo di Kyoto hanno diviso inutilmente il mondo senza produrre alcun beneficio reale. Ma anche e soprattutto perché questo trade-off svanisce di fronte alla crisi più difficile che l’economia globale si sia trovata ad affrontare.

“Gli Stati Uniti non sono chiamati a decidere se salvare l’ambiente o salvare l’economia, ma piuttosto a scegliere fra prosperità e declino”, ha detto Obama alla Giornata mondiale della Terra. Proponendo così un vero e proprio salto di paradigma, come ha spiegato un “guru” del calibro di Amartya Sen, il premio Nobel che al convegno “Green Spirit” organizzato a Pordenone da Electrolux, ha introdotto la nuova equazione “attenzione all’ambiente = motore di sviluppo”. Insomma, lungi dall’essere un freno, l’impatto zero è volano di crescita. Come?

Semplice: superando la cultura ecologista imperante finora, che punta tutta l’attenzione ai processi produttivi, i quali devono essere sì il più possibile rispettosi dell’ambienti e risparmiosi di energia in sé, ma ciò che maggiormente conta è che siano finalizzati a mettere sul mercato prodotti ecocompatibili. Che si tratti di auto, di elettrodomestici, di sistemi di riscaldamento o altro, oggi il prodotto finale, grazie a investimenti mirati in ricerca e sviluppo, deve avere bassi standard di emissioni, consumare poca energia, essere riciclabile, costare il meno possibile (sia in termini economici che ecologici) di trasporto. Certo, questo spostamento concettuale presuppone consumatori sensibilizzati e “demanding”, disposti magari a pagare qualcosa di più per acquistare beni concepiti secondo la “green spirit”. Esistono? Secondo una ricerca commissionata alla Astra di Enrico Finzi da Rex-Electrolux, una delle realtà che più hanno investito su questa “rivoluzione verde”, oltre otto italiani su 10 sono pronti a pagare tra il 5% e il 10% di più per scegliere una marca o un prodotto davvero ecosostenibile, purché certificato. Adesso, dunque, tocca alle aziende impegnarsi a dare un’adeguata offerta a questa domanda. E tocca allo Stato favorire questo formidabile moltiplicatore di ricchezza e occupazione. Senza aspettare, con inutile ottimismo e senza far niente, la fine della recessione.

tratto da: “Il Messaggero, La Sicilia, Il Gazzettino” domenica 17 maggio 2009

Potrebbe anche interessarti...

Articoli popolari

Questo sito utilizza cookie tecnici necessari per il funzionamento. Non vengono utilizzati cookie di terze parti. Accettando autorizzerai all'uso dei soli cookie tecnici. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi