Giornalismo o propaganda? “Due cose completamente diverse.”

navarro-valls.jpg

intervista a Joaquín Navarro-Valls 

Che significato ha per Lei, oggi, la parola “Giornalismo”?

Giornalismo è un raccontare agli altri un’esperienza personale che io considero vera. Se questa esperienza, del giornalista con la realtà che racconta, non esiste allora non c’è possibilità di giornalismo: si sta facendo favola, si sta facendo un altro genere letterario. Se quello che racconto, io non lo considero vero, allora non faccio giornalismo, sto facendo propaganda. Sono due cose completamente diverse. Però il giornalista deve su quell’argomento non entrare nel campo della autoreferenzialità: << Che dice un altro giornale, che penserebbe il mio capo, che penserebbe la mia impresa giornalistica?>>. Deve cercare un contatto con quella realtà, personale, se si può, altrimenti attraverso lo studio. Una volta che lui è convinto di conoscere quella realtà, la può trasmettere.
Il tema della verità oggettiva oggi manca.
Viviamo in un’epoca di grande razionalismo e allo stesso modo di una grande sfiducia nella capacità dell’essere umano di conoscere le cose come vere: tutto è opinione, discussione tra opinioni. <<Le sue opinioni sono interessanti, ma questo è vero o non è vero?>>. Questa è la grande domanda.”

Con l’avvento di Internet e del libero scambio di informazione, pensa che la figura del giornalista sia destinata a scomparire?

A me personalmente piace molto questa apertura creata da Internet. Parliamo del mondo dei blog. Per esempio, l’altro giorno, due settimane fa, parlando con il presidente del board di Google, mi diceva: “Guardi che ogni giorno abbiamo contabilizzato…oggi, ogni giorno, nascono 100.000 nuovi blog nel mondo. Ogni giorno. Ogni 24 ore. Questo di per sé mi sembra positivo: è rompere l’autoreferenzialità del sistema mediatico costituito. Questo non vuol dire che la vita dei giornali è in pericolo. No, è un’apertura in più. Voglio dire: io posso trasmettere delle verità straordinarie attraverso un sms, attraverso un giornale, attraverso un blog, attraverso delle immagini televisive. Ognuno di questi mezzi ha una semantica propria. Per trasmettere io felicemente quel messaggio, devo conoscere non soltanto quello che voglio dire, ma anche la semantica propria di quel mezzo e adattarmi a quel mezzo.

tratto da: avoicomunicare.it/blogpost/videointervista-joaqu%C3%ADn-navarro-valls

molto interessante anche l’articolo di Luca De Biase http://blog.debiase.com/paper/giornalisti-innovatori.html

Potrebbe anche interessarti...

Articoli popolari

Questo sito utilizza cookie tecnici necessari per il funzionamento. Non vengono utilizzati cookie di terze parti. Accettando autorizzerai all'uso dei soli cookie tecnici. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi