Tangentopoli. L’ultimo grande affaire italiano

ettore_bernabei.jpg 

dal Libro-intervista ad Ettore Bernabei*

Giorgio Dell’Arti: Mi resterebbe da farle ancora una serie di domande sull’ultimo grande affaire italiano.

Ettore Bernabei: Cioè Tangentopoli.

Giorgio Dell’Arti: Esattamente.

Be’! Le ho già detto, tra le righe di questo libro, quello che c’era da dire sui giudici e su quanto sia ridicola la tesi che, al mondo, vi sia qualcuno con la spada fiammeggiante in mano che rappresenta il Bene e qualcun altro, nero di pece di dentro e di fuori, che invece sta tutto dalla parte del Male. Queste son le tesi che piacciono ai giacobini i quali, visto che sono il Bene, si sentono in diritto a tagliar la testa di tutti quelli che secondo loro sono il Male.

Le tangenti correvano in Italia e nel resto del mondo da decine di anni e son venute fuori solo nel ’92. Combinazione: mentre democristiani e socialisti finivano in galera, le nostre aziende pubbliche più belle (e quando dico “pubbliche” intendo che appartenevano a tutti) venivano messe sul mercato a disposizione degli uomini d’affari di tutto il mondo, lobby, consorterie, analisti, gnomi, massonerie e circhi equestri di ogni tipo. Devo aggiungere altro?

*L’uomo di fiducia. I retroscena del potere raccontati da un testimone rimasto dietro le quinte per cinquant’anni.

di Ettore Bernabei e Giorgio Dell’Arti – Mondadori – 1999 – cfr. pagg. 307-308

Potrebbe anche interessarti...

Articoli popolari

Questo sito utilizza cookie tecnici necessari per il funzionamento. Non vengono utilizzati cookie di terze parti. Accettando autorizzerai all'uso dei soli cookie tecnici. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi