La rete ospedaliera italiana

L’organizzazione ospedaliera ancora oggi prevede molte strutture – oltre 250 – sotto qualunque parametro di volumi ed esiti adeguati, quindi servirebbe mettere mano all’assetto organizzativo che fino a oggi è stato solo in parte rivisto. Ma quello che ancora appare più preoccupante dal mio punto di vista è l’approccio culturale e la divisione che esiste fra il mondo ospedaliero e il mondo territoriale, molte volte anche in modo contrapposto, in maniera conflittuale. Questa distanza e difformità culturale, formativa se vogliamo, tra i vari professionisti degli ospedali e del territorio – siano essi medici o operatori sanitari – andrebbe eliminata anche attraverso azioni di discontinuità. Di certo non si può riformare soltanto per aspetti normativi e giuridici: deve essere un processo più complesso, approcciato anche dal punto di vista del cambiamento di percezione, di cultura e di volontà di adeguarsi al bisogno vero della popolazione. (Fulvio Morano)

fonte: Il ruolo dell’ospedale nella medicina di prossimità – Forward (recentiprogressi.it)

Potrebbe anche interessarti...

Articoli popolari

Questo sito utilizza cookie tecnici necessari per il funzionamento. Non vengono utilizzati cookie di terze parti. Accettando autorizzerai all'uso dei soli cookie tecnici. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi