Altro che no-b day, si celebri il Giorno della Politica

dalema_berlusconi.jpg

di Vittorio Gervasi*
 

Il “No-B-Day” si è compiuto. I colori dominanti sono stati il viola per gli “autoconvocati” ed il rosso per i supporters della sinistra radicale.  Un po’ di fantasia in più non avrebbe stonato anzi avrebbe aggiunto colore. Ma da oggi un fatto “nuovo” c’è: all’elenco delle manifestazioni contro, si aggiunge un ulteriore evento. Ciò che lascia sempre più basiti è la “sindrome del tifoso” che colpisce gran parte della politica italiana, nonché dei giornalisti militanti che animano il dibattito mediatico. Il tifoso notoriamente inneggia alla sua squadra e non perde occasione per offendere l’avversario prescindendo da ogni riflessione. Il tifoso non si sente realmente minacciato dall’avversario ma teme semplicemente che questo distrugga il proprio oggetto d’amore qualunque esso sia. I manifestanti del “No-B-Day” scendono in piazza esattamente come il tifoso va allo stadio. Sono accecati dal proprio credo e questo obnubila tutto.
La lucidità per guardare la realtà per quello che è, lascia il passo al tifo, che nei confronti dell’avversario si trasforma abitualmente in ingiuria gratuita.  Un governo in carica si batte con proposte di governo alternative e più credibili, argomentando valide soluzioni, cioè sul paino politico.  Ma qui di politica non vi è traccia.
Credo che il grande ed imperdonabile limite dell’opposizione in Italia sia proprio l’assenza di idee e proposte. Paradossalmente più attaccano il vertice della coalizione avversaria e più affermano la propria debolezza.
Dall’altro lato, però, la situazione non cambia affatto. Chi governa trova sostegno in altri tifosi e  quindi di autocritica se ne pratica molto poca. Per non parlare di riflessioni e sguardi sereni sulla realtà. E poi che dire di tante riforme annunciate e mai realizzate? Allora, non resta anche qui, che sostenersi con tifo da stadio paventando lo spauracchio che dall’altro lato del campo la squadra avversaria, se dovesse vincere, sarebbe ancor peggio.
Servirebbe un P-Day, una giornata dedicata alla Politica, quella con la P maiuscola, che si adopera per dare risposte a beneficio di tutti i cittadini, compresi i tifosi.

* ex-assessore al Comune di Montesilvano (Pescara)

tratto da: abruzzoliberale.it

Potrebbe anche interessarti...

Articoli popolari

Questo sito utilizza cookie tecnici necessari per il funzionamento. Non vengono utilizzati cookie di terze parti. Accettando autorizzerai all'uso dei soli cookie tecnici. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi