San Paolo – Inno all’Amore

madonnadelsolleticodetail2.jpgSe anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli,
ma non avessi l’amore,
sarei un bronzo risonante o un cembalo squillante. Se avessi il dono della profezia
e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza
e avessi tutta la fede in modo da spostare le montagne,
ma non avessi l’amore,
non sarei nulla. Se distribuissi tutti i miei beni per nutrire i poveri,
se dessi il mio corpo per essere arso,
e non avessi l’amore,
non mi gioverebbe a nulla. L’amore è paziente,
è benigno l’amore; l’amore non invidia, non si vanta,
non si gonfia, non manca di rispetto,
non cerca il proprio interesse, non si adira,
non tiene conto del male ricevuto,
ma si compiace della verità; tutto tollera, tutto crede,
tutto spera, tutto sopporta. L’amore non verrà mai meno. Le profezie scompariranno;
il dono delle lingue cesserà, la scienza svanirà;
conosciamo infatti imperfettamente,
e imperfettamente profetizziamo;
ma quando verrà la perfezione, sparirà ciò che è imperfetto. Quando ero bambino, parlavo da bambino,
pensavo da bambino, ragionavo da bambino.
Da quando sono diventato uomo,
ho smesso le cose da bambino. Adesso vediamo come in uno specchio, in modo oscuro;
ma allora vedremo faccia a faccia. Ora conosco in parte, ma allora conoscerò perfettamente,
come perfettamente sono conosciuto. Ora esistono queste tre cose: la fede, la speranza e l’amore;
ma la più grande di esse è l’amore.

fonte: I° lettera ai Corinzi 13,1

Potrebbe anche interessarti...

Articoli popolari

Questo sito utilizza cookie tecnici necessari per il funzionamento. Non vengono utilizzati cookie di terze parti. Accettando autorizzerai all'uso dei soli cookie tecnici. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi